Tu sei qui

Ago Aspirato alla Tiroide

Agoaspirato e biopsie ecoguidate
Eco Color Doppler aorta
Eco Color Doppler arterie renali
Eco Color Doppler arti inferiori
Eco Color Doppler carotide
Ecografia anche neonatali
Ecografia tessuti molli
Ecografia muscolo-scheletrica
Ecografia tessuti molli
Ecografia pelvica trans-vaginale
Ecografia pelvica
Ecografia addominale
Ecografia Prostatica trans-rettale
Ecografia epatica
Tutti i tipi di ecografie ed eco color Doppler



L'importanza della prevenzione

L’ ago aspirato alla tiroide si fa quando il nodulo alla tiroide riscontrato con una ecografia è più grande di un cm, il paziente ha familiarità con il tumore tiroideo, oppure si tratta di noduli in crescita e/o dagli aspetti ecografici sospetti (vascolarizzazione, margini irregolari, ecc.).

La tecnica dell’agoaspirato tiroide è molto semplice e sicura da effettuare, e viene richiesta quando il nodulo alla tiroide precedentemente analizzato tramite esame ecografico o scintigrafia, mostra caratteristiche sospette. L’esame viene eseguito in ambulatorio, ed il paziente viene posizionato disteso sul lettino, con la pancia rivolta verso il soffitto, e con la testa estesa all’indietro poggiata su un cuscino.

Durante l’ ago aspirato alla tiroide tendenzialmente non occorre somministrare al paziente alcuna anestesia, né locale, né generale, e l’esame può essere condotto anche da donne in stato interessante perché non vi sono particolari controindicazioni. La lettura citologica del materiale aspirato sembra essere molto più complessa, e deve essere effettuata da personale altamente qualificato ed esperto, perché l’accuratezza diagnostica può così superare il 90%. Una volta svolte le operazioni preliminari di cui sopra, il medico specialista disinfetta con la massima cura la regione anteriore del collo e mediante guida ecografica, inserisce nel paziente un ago particolarmente sottile all’interno del nodulo tiroideo da analizzare.

Come avete visto dal video il tutto non dura più di un minuto e subito dopo si può tornare a vita normale senza particolari accortezze per il paziente. Il medico, una volta effettuato il prelievo allestisce il materiale su vetrino per il cosiddetto “striscio” osservabile al microscopio: è la metodica ancora più diffusa in quanto rapida ed economica. In alternativa qualcuno utilizza sistemi automatizzati, che riducono il margine d’errore tipico dell’allestimento del materiale sul vetrino, ma che decisamente sono più costosi.




CONTATTA LO STUDIO PER UN APPUNTAMENTO IN SEDE